La depressione: come aiutare qualcuno che sta attraversando un momento difficile

La depressione: come aiutare qualcuno che sta attraversando un momento difficile

Condividi:
Share on twitter
Share on linkedin
Share on facebook

Depressione è un singolo termine che racchiude molti significati. Si tratta di un disturbo dell’umore che può toccare ogni aspetto della vita, ma presenta caratteristiche distintamente individuali.

Dal cattivo umore ai sentimenti di disperazione o impotenza, il suo impatto varia da un lieve disagio a un’influenza più grave e pericolosa che minaccia la vita.

Periodi di tristezza e fluttuazioni di umore fanno parte della nostra risposta naturale alle avversità ma, se persistono, sono classificati come depressione e possono avere un effetto negativo significativo su diversi ambiti: la vita familiare, le relazioni, il lavoro e la salute.

La depressione è comune. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di 264 milioni di persone di tutte le età ne soffrono. 1L’onere della depressione e di altri disturbi mentali è in aumento; ogni anno il 25% della popolazione europea sperimenta depressione o ansia. 2

Le cause scatenanti possono essere varie. Diversi studi hanno confermato che gravi fattori come la mancanza di dimora, la disoccupazione, la mancanza di istruzione e di opportunità contribuiscono pesantemente alle difficoltà di salute mentale nei giovani europei. Ma la depressione può essere causata anche da eventi apparentemente minori o distacchi nelle relazioni.

Eurofound, un’agenzia dell’UE per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ha rilevato che il 14% dei giovani adulti è a rischio di depressione, mentre il 4% delle persone di età compresa tra i 15 e i 24 anni in Europa soffre già di questa patologia in forma cronica. 3

Riconoscere e affrontare le cause della depressione non è facile, e cercare aiuto è percepito ancora come una stigmatizzazione: così milioni di persone soffrono in silenzio, sebbene esistano trattamenti efficaci disponibili.

Parlare di problemi con un amico o un familiare è un primo passo importante ma, spesso, difficile da compiere. La situazione è aggravata dal fatto che la maggior parte delle persone si sente in imbarazzo o esita a offrire aiuto, perché non sa come entrare in contatto o sente di non avere le capacità per fare la differenza.

Il supporto delle persone vicine (un amico o un familiare), è uno dei primi passi più efficaci in un percorso di trattamento che può includere la terapia cognitiva comportamentale (CBT), la psicoterapia interpersonale e farmaci antidepressivi accuratamente distribuiti.

Cinque consigli su come aiutare un amico con la depressione

Fare attenzione ai dettagli

A parte l’umore basso e/o negativo, vi sono altri segnali che fungono da preavviso per l’avanzamento della depressione: una persona potrebbe essere depressa se ha perso interesse per le cose che normalmente le piacciono, è svogliata, mangia in modo eccessivo o al contrario rifiuta il cibo, ha difficoltà a concentrarsi o a dormire, evita la famiglia e gli amici.

Come iniziare una conversazione

Trovare il momento appropriato e le parole giuste per iniziare una conversazione sulla depressione può essere difficile, quindi è opportuno scegliere alcune frasi che mostrano la preoccupazione per la persona depressa e il suo stato di salute.

Insieme al momento appropriato, anche il luogo giusto può facilitare la conversazione: sarebbe opportuno sollevare l’argomento quando la persona è rilassata in un momento e in un luogo in cui non ci saranno interruzioni.

L’ente di beneficenza Age UK afferma: “Ci si potrebbe sentire a disagio nel sollevare un argomento delicato, specialmente se la persona oggetto di preoccupazione non parla spesso delle proprie emozioni. Spiegate il motivo della preoccupazione, ma evitate di diagnosticare il problema o di forzare le soluzioni. ” 4 Sarà utile mantenere un vocabolario comprensibile con cui è facile relazionarsi.

Saper ascoltare

Essere un buon ascoltatore è un atto di gentilezza il cui valore non deve mai essere sottovalutato. È noto che anche solo parlare del problema può allentare la tensione e farlo sembrare più leggero, quindi una presenza di supporto rappresenta un’opportunità per aprirsi.

La depressione può essere un groviglio complesso di emozioni ed essere un ascoltatore compassionevole, senza esprimere giudizi, è molto più efficace che cercare di trovare soluzioni e creare piani d’azione.

È bene fornire supporto piuttosto che soluzioni, essere coinvolti nell’ascolto e rispondere con cura e compassione, ove possibile.

Incoraggiare la persona a cercare un sostegno di tipo professionale, poiché non c’è da vergognarsi nel chiedere cure e, se necessario, supporto con farmaci adeguati alle esigenze del paziente. Un consulto tempestivo e corretto con un medico esperto può essere molto utile per determinare la natura esatta della condizione ed elaborare un piano di trattamento adeguato.

Restare in contatto

È improbabile che i problemi si risolvano dopo una conversazione. Occorre tenersi in contatto in modo che i pazienti sappiano che le persone vicine sono presenti e preoccupate, ma in ogni telefonata non è obbligatorio parlare della depressione.

Comunicare ai pazienti che sono importanti è incoraggiante per loro; condividere la positività, ricordando loro con gentilezza i bei momenti e le loro qualità, è un altro strumento importante. La depressione può causare emarginazione e solitudine, perciò il contatto regolare può ridurne l’impatto.

Se si vive con il paziente, esistono maggiori possibilità di sottolineare la preoccupazione con piccoli gesti di gentilezza.

Avere cura di sé

Può essere sfiancante prendersi cura di una persona cara che soffre di depressione. L’assistente potrebbe essere costretto ad eseguire sempre più attività pratiche per prendersi cura del paziente. Dovrà anche affrontare la propria preoccupazione, quindi è importante rimanere in buona salute e ritagliarsi del tempo per sé stessi.

L’assistente deve rilassarsi, praticare la mindfulness e prendersi alcune pause. Necessita di energia emotiva per sostenere una persona cara o un amico nel momento del bisogno.

 

Riferimenti:

  1. World Health Organization. Depression. January 2020. Accessed January 2021. https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/depression
  2. World Health Organization Regional Office for Europe. Depression in Europe: facts and figures. October 2012. Accessed January 2021. https://www.euro.who.int/en/health-topics/noncommunicable-diseases/mental-health/news/news/2012/10/depression-in-europe/depression-in-europe-facts-and-figures
  3. Eurofound. Crisis point: Well-being of young people still defined by the economic crisis. July 2019. Accessed January 2021. https://www.eurofound.europa.eu/news/news-articles/crisis-point-well-being-of-young-people-still-defined-by-the-economic-crisis?&utm_campaign=quality-of-life-and-public-services&utm_content=ef19041&utm_source=twitter&utm_medium=social-network
  4. Age UK. Depression and Anxiety. Accessed January 2021. https://www.ageuk.org.uk/information-advice/health-wellbeing/conditions-illnesses/depression-anxiety/
Ti potrebbe interessare...

Epilessia

Una diagnosi di epilessia può essere difficile da affrontare per tutta la famiglia, in particolare perché molti genitori non hanno una profonda conoscenza della malattia e del modo in cui aiutare i loro figli a farvi fronte.

Epilessia

Si tratta di crisi in cui il bambino rimane inconscio per breve tempo, fissa nel vuoto e non risponde a ciò che sta accadendo intorno. La loro frequenza e durata sono imprevedibili, creando preoccupazione nei genitori e nei familiari.

Epilessia

La maggior parte dei bambini affetti da epilessia dovrebbe essere in grado di frequentare la scuola tradizionale e godere della propria formazione senza problemi significativi, a condizione che vi sia una buona comunicazione tra la famiglia e la scuola.

Bentornato

Per accedere a queste informazioni è necessario usare le proprie credenziali

Non hai un profilo? Iscriviti