La schizofrenia è una condizione seria e a lungo termine che influenza il modo in cui una persona pensa, sente, agisce, interagisce con gli altri, esprime emozioni e percepisce la realtà. 

Neuraxpharm fornisce alternative farmacologiche per la schizofrenia: una volta che il medico ha determinato le esigenze specifiche del paziente, può prescrivere il prodotto che meglio si adatta alle sue esigenze e condizioni.

Scopri di più sulle cause, sui sintomi e sui trattamenti.

Cos'è la schizofrenia?

La schizofrenia è una malattia mentale grave e cronica che causa una serie di sintomi psicologici: ciò significa che la persona colpita non può sempre distinguere i pensieri e le idee dalla realtà. Essa può causare difficoltà sul lavoro, a scuola e nelle relazioni. Il paziente affetto da schizofrenia può isolarsi e perdere il contatto con la realtà, causando angoscia all’interessato, così come ai familiari e agli amici. 

Non esiste una cura conosciuta e se non trattata, la schizofrenia presenta sintomi persistenti e disabilitanti. Tuttavia, sono disponibili trattamenti efficaci per aiutare i pazienti a gestire i loro sintomi, ridurre il rischio di recidiva e godersi al meglio la vita quotidiana.

Esistono molte idee errate sulla schizofrenia: tuttavia, la maggior parte delle persone colpite non è più pericolosa o violenta delle persone nella popolazione generale. 

Quali sono i principali tipi di schizofrenia?

Schizofrenia è il termine usato per indicare una serie di disturbi mentali che rientrano nello stesso spettro, tra cui:

  • Schizofrenia paranoide: include sintomi come deliri e allucinazioni, discorsi disorganizzati e difficoltà di concentrazione.
  • Schizofrenia di tipo disorganizzato (o ebefrenico): non include allucinazioni o deliri, ma un tipo di comportamento e un discorso sconclusionato. Può anche includere risposte emotive inappropriate o assenti.
  • Schizofrenia di tipo indifferenziato: i pazienti affetti possono mostrare comportamenti che sono applicabili a vari sottotipi di schizofrenia. Mentre esistono diversi tipi di schizofrenia, questi disturbi rientrano in uno spettro e dovrebbero essere trattati come tali.
  • Schizofrenia di tipo residuo: racchiude i pazienti con precedente diagnosi di schizofrenia ma senza più i sintomi prominenti del disturbo. I sintomi diminuiscono di intensità e generalmente includono scarsa attenzione, una certa disorganizzazione mentale e isolamento emotivo. Poiché molti pazienti affetti da schizofrenia sentono che i loro sintomi variano in frequenza e intensità, questo sottotipo è usato di rado attualmente.
  • Schizofrenia catatonica: questo sottotipo presenta come sintomo il movimento fisico. La catatonia può essere un disturbo proprio, ma i pazienti affetti da schizofrenia catatonica spesso hanno sintomi negativi della schizofrenia e non sono molto reattivi. 

Le condizioni legate alla schizofrenia includono il disturbo schizoaffettivo, che combina elementi della schizofrenia con i disturbi dell’umore. I suoi sintomi possono includere pensieri paranoici, deliri o allucinazioni, difficoltà di concentrazione, depressione, disturbi del sonno e difficoltà dell’appetito, isolamento sociale.

Altri disturbi correlati includono il disturbo delirante, il disturbo psicotico breve, il disturbo schizofreniforme e la psicosi.

Quanti pazienti soffrono di schizofrenia?

La schizofrenia colpisce 20 milioni di persone nel mondo, cioè l’uno per cento della popolazione in tutte le culture. Colpisce in ugual misura uomini e donne, ma l’esordio è spesso più tardivo nelle donne rispetto agli uomini.

Sintomi

La gravità della schizofrenia e dei suoi sintomi varia da un individuo all’altro e i sintomi sembrano peggiorare e migliorare in cicli, noti come ricadute e remissioni. Alcune persone vivono un solo episodio psicotico, mentre altre ne subiscono molti ma conducono una vita relativamente normale tra un episodio e l’altro. Altre possono avere maggiori problemi di gestione nel tempo, con pochi miglioramenti tra gli episodi psicotici completi. 

Quali sono i sintomi della schizofrenia?

I sintomi della schizofrenia sono generalmente indicati come positivi (o psicotici, basati sulla non-realtà), negativi (fatti assenti), cognitivi o disorganizzati.

I sintomi positivi includono:

  • Allucinazioni, comprese le variazioni a vista, udito, olfatto, tatto e gusto
  • Comportamenti insoliti 
  • Delusioni, incluse paranoia e paure irrazionali 

I sintomi negativi includono:

  • Perdita di motivazione e di energia
  • Perdita di interesse nella vita quotidiana
  • Difficoltà a pianificare, iniziare e portare avanti le attività
  • Minore loquacità
  • Isolamento dalla famiglia, dagli amici e dalle situazioni sociali
  • Difficoltà a mostrare le emozioni
  • Emozioni ridotte 
  • Scarsa igiene personale

I sintomi cognitivi includono:

  • Difficoltà di concentrazione e di memoria
  • Difficoltà ad elaborare e utilizzare le informazioni

I sintomi disorganizzati includono:

  • Discorso sconclusionato 
  • Passaggio rapido da un pensiero all’altro senza collegamento logico
  • Movimenti lenti
  • Incapacità di prendere decisioni
  • Scrittura eccessiva e priva di senso logico
  • Dimenticanza o perdita di oggetti
  • Ripetizione di movimenti o gesti, come andare avanti e indietro o camminare in cerchio
  • Difficoltà a dare un senso alle immagini, ai suoni e alle sensazioni quotidiane

Nella schizofrenia catatonica, la persona colpita può smettere di parlare, e il suo corpo rimanere fisso in una sola posizione a lungo.

Quali sono le fasi della schizofrenia?

La schizofrenia può svilupparsi lentamente, spesso durante l’adolescenza, e per varie ragioni può essere inizialmente difficile da diagnosticare.

La prima età adulta è l’età più comune per la comparsa della schizofrenia; i sintomi devono comparire per almeno sei mesi, affinché sia elaborata una diagnosi. Gli uomini affetti da schizofrenia possono iniziare a sperimentare i sintomi nella tarda adolescenza o verso i 20 anni, mentre per le donne i sintomi possono presentarsi più tardi, fino verso i 30 anni.

Esistono tre fasi della schizofrenia: la fase iniziale; la fase acuta/attiva; e la fase residua/di recupero. La fase iniziale (o “prodromica”) potrebbe durare per giorni, ma anche continuare per anni. La mancanza di un fattore scatenante specifico la rende difficile da identificare, e i cambiamenti comportamentali potrebbero essere sottili. 

Quali sono i segnali precoci della schizofrenia?

I sintomi di una possibile schizofrenia potrebbero includere cambiamenti di umore e isolamento sociale: ciò significa che la condizione potrebbe essere facilmente scambiata per una tipica “fase” adolescenziale. Mancanza di motivazione, sonno disturbato, difficoltà di concentrazione, umore irritabile, problemi nelle relazioni e difficoltà a scuola sono tutti sintomi che potrebbero manifestarsi negli adolescenti quando la condizione si sta sviluppando.

Chi soffre di schizofrenia può sperimentare un episodio di psicosi, che spesso porta ad elaborarne la diagnosi. I cambiamenti d’umore e una crescente difficoltà nelle interazioni sociali possono presentarsi prima del primo episodio di psicosi.

I pazienti possono scoprire che i loro sintomi sono di diversa gravità.

Cause, fattori di rischio e aspettativa di vita

Attualmente non è noto quale esatta combinazione di fattori causi la schizofrenia. L’attuale trattamento si concentra sulla gestione efficace dei sintomi e sull’assistenza per consentire ai pazienti di vivere una vita normale.

Cosa provoca la schizofrenia?

La causa esatta della schizofrenia è sconosciuta; tuttavia, è molto probabilmente legata ad una combinazione di fattori genetici e ambientali.

Si pensa che alcune persone siano più predisposte a sviluppare la schizofrenia e che certe situazioni, come un evento di vita stressante o l’abuso di droghe, possano scatenare la condizione.

  • Fattori genetici: la schizofrenia è trasmissibile per via familiare; tuttavia, non è ancora possibile utilizzare le informazioni genetiche per prevedere chi svilupperà la schizofrenia.
  • Differenze cerebrali: nei soggetti predisposti, i cambiamenti al cervello durante la pubertà possono scatenare episodi psicotici. La ricerca mostra che esiste un legame importante tra il cervello e l’intestino e i microrganismi benefici che vivono nel sistema digestivo (noto come “asse microbiota-intestino-cervello”), che può influenzare il modo in cui gestiamo i periodi di stress. L’asse microbiota intestino-cervello è un fattore importante per lo sviluppo della schizofrenia. Le differenze nella struttura e nella funzione del cervello e le interazioni tra i neurotrasmettitori sono state citate come elementi che contribuiscono allo sviluppo della condizione. 
  • Fattori ambientali: povertà, ambiente instabile e/o problemi nutrizionali prima della nascita potrebbero essere fattori scatenanti lo sviluppo della schizofrenia. 

La schizofrenia è ereditaria?

La schizofrenia non è ereditaria, ma piuttosto genetica: ciò significa che una combinazione di geni, piuttosto che un singolo gene, rappresenta un fattore determinante per lo sviluppo di tale condizione.

Chi si ammala di schizofrenia?

La schizofrenia può colpire persone in tutto il mondo, di qualsiasi etnia e cultura. 

La schizofrenia può essere diagnosticata nell’infanzia, nonostante ciò sia relativamente raro. La schizofrenia ad esordio precoce si verifica in genere tra i 13 e i 18 anni. Una diagnosi sotto i 13 anni è estremamente rara. Gli uomini possono sperimentare i sintomi prima delle donne, anche se la condizione colpisce tutti i generi allo stesso modo. È probabile che prima appaiano i sintomi, e più grave sarà il caso di schizofrenia.

Quanto tempo si può vivere con la schizofrenia?

Il periodo di convivenza del paziente con la schizofrenia dipende da vari fattori, tra cui la gravità del caso e la risposta al trattamento. I pazienti che ne sono affetti sono probabilmente in grado di vivere una vita relativamente normale insieme alla famiglia, se trattati. È improbabile che le persone con schizofrenia vivano in strutture psichiatriche a lungo termine. La ricerca per migliorare il trattamento è in corso. 

La schizofrenia spesso coesiste con altre condizioni, tra cui psicosi, diabete e malattie cardiache. A causa di ciò, i pazienti schizofrenici hanno un’aspettativa di vita tra i 15 e i 25 anni più bassa, con probabilità da doppie a triple di morire prima, rispetto alla popolazione generale. Le persone con schizofrenia hanno da due a tre volte più probabilità di morire precocemente rispetto alla popolazione generale.

Diagnosi

Non esiste un singolo test per la schizofrenia e la condizione è di solito diagnosticata a seguito della valutazione di uno specialista in salute mentale, a volte dopo un periodo di psicosi.

Non sempre è chiaro se si soffre di schizofrenia o di una malattia mentale correlata, come il disturbo bipolareo il disturbo schizoaffettivo.

Come è diagnosticata la schizofrenia?

I sintomi della schizofrenia devono essere presenti per sei mesi, e costantemente attivi per almeno uno di tali mesi, prima che possa essere elaborata una diagnosi. Due dei seguenti sintomi dovranno essere osservati: 

  • Allucinazioni
  • Discorso sconclusionato
  • Deliri
  • Comportamento disorganizzato o catatonico
  • Sintomi negativi (l’assenza di qualcosa, ad esempio motivazione o energia) 

Deliri, allucinazioni o discorsi disorganizzati devono essere tra i sintomi rilevati per una diagnosi positiva, senza essere il risultato di qualsiasi altra condizione.

Il medico può tentare di escludere le condizioni a cui la schizofrenia può essere associata, ad esempio la psicosi indotta da sostanze o il tumore del cervello, attraverso l’uso di immagini cerebrali o esami del sangue.

Test per diagnosticare la schizofrenia

La diagnosi di schizofrenia si basa sull’osservazione delle azioni e dei sintomi del paziente. Tuttavia, i medici possono effettuare dei test per assicurarsi l’assenza di altre patologie alla base dei sintomi. Ad esempio, potrebbero essere effettuati studi per immagini, TAC o risonanza magnetica, per escludere che i sintomi siano causati da disturbi come tumori cerebrali, epilessia, condizioni autoimmuni o infezioni. Possono essere utilizzati test di tipo cognitivo e/o di personalità, o le scale di valutazione della schizofrenia, come la scala della sindrome positiva e negativa (PANSS). 

I medici possono anche eseguire dei test per assicurarsi che i sintomi non siano causati da altri fattori, come farmaci da prescrizione, alcool o droghe.

In caso di sospetta schizofrenia, il medico può fare riferimento ad uno psichiatra, che può effettuare valutazioni o osservare i comportamenti per cercare di stabilire una diagnosi chiara. 

Trattamento e farmaci

Le persone affette da schizofrenia hanno a disposizione diverse opzioni di trattamento, che possono aiutarle a gestire la vita.

Come è trattata la schizofrenia?

La schizofrenia è di solito trattata con una combinazione di farmaci e terapia, personalizzata per ogni paziente.

L’obiettivo è quello di alleviare i sintomi e di ridurre le possibilità di una ricaduta o di una recidiva dei sintomi. Le opzioni di trattamento includono farmaci antipsicotici e/o terapia cognitivo-comportamentale (CBT).

Farmaci

I farmaci antipsicotici possono aiutare a ridurre l'intensità e la frequenza dei sintomi psicotici. In generale, agiscono bloccando l'effetto della dopamina nel cervello.

La scelta degli antipsicotici dovrebbe essere fatta a seguito di consulto medico/psichiatrico, tenendo conto dei probabili benefici e degli effetti collaterali, che saranno diversi in ogni paziente. Gli effetti collaterali di alcuni farmaci possono includere aumento di peso, tremori, rigidità, irrequietezza e sonnolenza.

La maggior parte delle persone con schizofrenia assume farmaci per uno o due anni dopo il primo episodio psicotico, al fine di prevenire ulteriori episodi schizofrenici acuti, e anche più a lungo se la malattia è ricorrente.

Terapia

Terapie come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), la terapia familiare e la terapia artistica, tra le altre, possono aiutare le persone ad affrontare meglio le allucinazioni o i deliri.

  • CBT: mira ad aiutare i soggetti a identificare gli schemi di pensiero che stanno causando sentimenti e comportamenti indesiderati e sostituirli con pensieri più realistici e utili.
  • Terapia familiare: mira ad aiutare le persone con schizofrenia e le loro famiglie ad affrontare meglio la condizione.
  • Terapia artistica:la terapia creativa può permettere alle persone di esprimere le loro esperienze in modo non verbale, aiutandole a sviluppare nuovi modi di relazionarsi con gli altri.
È comune una combinazione di terapie psicosociali e farmaci antipsicotici nel trattamento della schizofrenia.

Intervento

Ci sono vari interventi che possono essere suggeriti ai pazienti affetti da schizofrenia. Essi potrebbero includere:

  • Assistenza specialistica coordinata (CSC): La CSC è un piano di trattamento incentrato sul recupero che combina la medicina e la terapia con i servizi sociali, l'occupazione e l'istruzione, per trattare la schizofrenia agli esordi. L'obiettivo è quello di mantenere la famiglia il più coinvolta possibile. La CSC è utilizzata all'inizio, durante la prima fase, con l'obiettivo di aiutare le persone a condurre una vita normale.
  • Trattamento comunitario assertivo (ACT):L'ACT è un intervento progettato per le persone con schizofrenia che potrebbero essere a rischio di rimanere senza casa o di essere ricoverate ripetutamente. Assidui contatti con un team dedicato è una parte fondamentale di ACT.
  • Programmi di sostegno alle famiglie:La condizione può essere alleviata attraverso programmi di educazione familiare, che possono offrire informazioni e indicazioni sulla schizofrenia, sui trattamenti e sulle strategie di supporto da intraprendere. Ciò può essere di aiuto in modo pratico e aumentare la fiducia della persona nella rete di supporto.
  • Terapia elettroconvulsivante (ECT):la terapia ECT comporta l'applicazione di elettrodi al cuoio capelluto in anestesia generale. Di solito si svolge due o tre volte alla settimana per alcune settimane. L'obiettivo è quello di migliorare l'umore attraverso l'induzione di una serie di crisi controllate; gli scienziati ritengono che tale terapia possa influenzare il rilascio di neurotrasmettitori nel cervello. Soprattutto nelle persone schizofreniche più anziane, i risultati possono essere evidenti molto rapidamente. È più probabile che venga usata sulle persone catatoniche.

Dieta

Una cattiva alimentazione può peggiorare i sintomi della schizofrenia, così come il consumo eccessivo di alcolici o droghe. Esiste anche la possibilità che l'alcool o le droghe possano interferire con alcuni farmaci antipsicotici.

Alcuni alimenti in particolare possono aiutare a ridurre i sintomi della schizofrenia e migliorare la salute generale.

  • Frutta e verdura:frutta e verdura sono una buona fonte di fibre, che molte persone con schizofrenia e condizioni di salute correlate (come obesità, diabete o malattie cardiache) non assumono a sufficienza.
  • Salmone e pesce grasso: il salmone e i pesci grassi sono buone fonti di Omega-3, che possono ridurre i sintomi della schizofrenia.
  • Pollo: anche la niacina, che si trova nel pollo, può aiutare a ridurre i sintomi.
  • Manzo:può esistere una connessione tra bassi livelli di zinco e schizofrenia. Poiché lo zinco si trova nella carne di manzo, mangiarla può aiutare a ridurre i sintomi.

Attività fisica

L'attività fisica, come parte di un programma di modifica comportamentale, è necessaria per il controllo del peso, che è particolarmente importante per le persone con schizofrenia. Le seguenti attività hanno dimostrato di avere un effetto positivo:

  • Esercizio aerobico:Gli interventi che includono l'esercizio vigoroso o aerobico hanno un impatto positivo sulle persone con schizofrenia.
  • Esercizi di gruppo: hanno un tasso di successo positivo quando si tratta di migliorare la salute del cuore, il metabolismo e la forma fisica generale.
È importante notare che anche livelli moderati di esercizio possono avere un effetto positivo sulla salute. Le persone devono essere incoraggiate a fare esercizio se non si sentono in forma.

Prevenzione

Al momento, non esiste modo di prevenire l’insorgenza della schizofrenia, anche se sono stati sviluppati metodi di trattamento che possono permettere ai pazienti di vivere la propria vita in modo relativamente normale.

La diagnosi precoce e l’impegno con il trattamento possono aiutare a diminuire il senso di sconvolgimento provato, e può ridurre la possibilità di ricaduta. Le ricadute possono spesso essere prevenute nei seguenti modi:

  • Riconoscere i segnali di un episodio acuto
  • Assumere i farmaci come prescritto e consigliato dai medici
  • Discutere la condizione in modo che gli altri siano consapevoli dei segnali

Studi scientifici

Poiché la causa della schizofrenia non è ancora nota, la ricerca in aree come l’ambiente e la genetica è estremamente importante. Anche la ricerca che ha scoperto azioni che riducono l’impatto di tale condizione sulla vita delle persone, è di fondamentale importanza. 

I futuri trattamenti per la schizofrenia sono attualmente oggetto di ricerca. La stimolazione cerebrale profonda (DBS), che è un trattamento convalidato per il morbo di Parkinson, potrebbe essere importante nello sviluppo di un trattamento anche per i disturbi psichiatrici, e i ricercatori lo stanno esaminando.

È anche in corso una ricerca significativa per identificare il modo in cui i geni potrebbero influenzare la schizofrenia, con l’obiettivo di aumentare la medicina personalizzata su ogni paziente che può essere offerta in futuro.

Fonti di riferimento

  1.  Bebbington P, Freeman D. Transdiagnostic Extension of Delusions: Schizophrenia and Beyond. Schizophr Bull. 2017;43(2):273-282. doi:10.1093/schbul/sbw191
  2.  Miller JN, Black DW. Schizoaffective disorder: A review. Ann Clin Psychiatry. 2019;31(1):47-53.
  3.  Rebok F. Tratamiento farmacológico del trastorno esquizoafectivo, el trastorno esquizofreniforme y el trastorno psicótico breve [Pharmacological treatment of schizoaffective disorder, schizophreniform disorder and brief psychotic disorder]. Vertex. 2012;23(104):287-298.
  4.  Chan V. Schizophrenia and Psychosis: Diagnosis, Current Research Trends, and Model Treatment Approaches with Implications for Transitional Age Youth. Child Adolesc Psychiatr Clin N Am. 2017;26(2):341-366. doi:10.1016/j.chc.2016.12.014
  5.  GBD 2017 Disease and Injury Incidence and Prevalence Collaborators. Global, regional, and national incidence, prevalence, and years lived with disability for 354 diseases and injuries for 195 countries and territories, 1990-2017: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2017 [published correction appears in Lancet. 2019 Jun 22;393(10190):e44]. Lancet. 2018;392(10159):1789-1858. doi:10.1016/S0140-6736(18)32279-7
  6.  Schultz SH, North SW, Shields CG. Schizophrenia: a review. Am Fam Physician. 2007;75(12):1821-1829.
  7.  Cha HY, Yang SJ. Anti-Inflammatory Diets and Schizophrenia. Clin Nutr Res. 2020;9(4):241-257. Published 2020 Oct 28. doi:10.7762/cnr.2020.9.4.241
  8.  Lieberman JA, Perkins D, Belger A, et al. The early stages of schizophrenia: speculations on pathogenesis, pathophysiology, and therapeutic approaches [published correction appears in Biol Psychiatry 2002 Feb 15;51(4):346]. Biol Psychiatry. 2001;50(11):884-897. doi:10.1016/s0006-3223(01)01303-8
  9.  Caso JR, Balanzá-Martínez V, Palomo T, García-Bueno B. The Microbiota and Gut-Brain Axis: Contributions to the Immunopathogenesis of Schizophrenia. Curr Pharm Des. 2016;22(40):6122-6133. doi:10.2174/1381612822666160906160911
  10.  Remschmidt H, Theisen FM. Schizophrenia and related disorders in children and adolescents J Neural Transm Suppl. 2005;(69):121-141. doi:10.1007/3-211-31222-6_7
  11.  Wildgust HJ, Hodgson R, Beary M. The paradox of premature mortality in schizophrenia: new research questions. J Psychopharmacol. 2010;24(4 Suppl):9-15. doi:10.1177/1359786810382149
  12.  Laursen TM, Nordentoft M, Mortensen PB. Excess early mortality in schizophrenia. Annu Rev Clin Psychol. 2014;10:425-448. doi:10.1146/annurev-clinpsy-032813-153657
  13.  Faulkner G, Soundy AA, Lloyd K. Schizophrenia and weight management: a systematic review of interventions to control weight. Acta Psychiatr Scand. 2003;108(5):324-332. doi:10.1034/j.1600-0447.2003.00218.x
  14.  Fernández-Abascal B, Suárez-Pinilla P, Cobo-Corrales C, Crespo-Facorro B, Suarez-Pinilla M. In- and outpatient lifestyle interventions on diet and exercise and their effect on physical and psychological health: a systematic review and meta-analysis of randomised controlled trials in patients with schizophrenia spectrum disorders and first episode of psychosis [published online ahead of print, 2021 Jan 24]. Neurosci Biobehav Rev. 2021;S0149-7634(21)00019-1. doi:10.1016/j.neubiorev.2021.01.005
  15.  Firth J, Cotter J, Elliott R, French P, Yung AR. A systematic review and meta-analysis of exercise interventions in schizophrenia patients. Psychol Med. 2015;45(7):1343-1361. doi:10.1017/S0033291714003110
  16. Caso JR, Balanzá-Martínez V, Palomo T, García-Bueno B. The Microbiota and Gut-Brain Axis: Contributions to the Immunopathogenesis of Schizophrenia. Curr Pharm Des. 2016;22(40):6122-6133. doi:10.2174/1381612822666160906160911
Ti potrebbe interessare...

Alzheimer

Una diagnosi di epilessia può essere difficile da affrontare per tutta la famiglia, in particolare perché molti genitori non hanno una profonda conoscenza della malattia e del modo in cui aiutare i loro figli a farvi fronte.

Epilessia

Una diagnosi di epilessia può essere difficile da affrontare per tutta la famiglia, in particolare perché molti genitori non hanno una profonda conoscenza della malattia e del modo in cui aiutare i loro figli a farvi fronte.

Epilessia

Si tratta di crisi in cui il bambino rimane inconscio per breve tempo, fissa nel vuoto e non risponde a ciò che sta accadendo intorno. La loro frequenza e durata sono imprevedibili, creando preoccupazione nei genitori e nei familiari.

Bentornato

Per accedere a queste informazioni è necessario usare le proprie credenziali

Non hai un profilo? Iscriviti