Salute mentale e benessere durante la pandemia di COVID-19: effetti e consigli

Salute mentale e benessere durante la pandemia di COVID-19: effetti e consigli

Condividi:
Share on twitter
Share on linkedin
Share on facebook

La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto devastante sulla salute globale, con scosse di assestamento che si ripercuotono sulla salute fisica e mentale.

Quali sono gli effetti della pandemia di COVID-19 sulla salute mentale?

Le restrizioni volte a controllare il virus, associate all’incertezza economica, hanno avuto un effetto significativo sulle società, limitando le libertà individuali e aumentando l’isolamento e la solitudine.

La pandemia ha anche interrotto i servizi di salute mentale nel 93% dei paesi di tutto il mondo: ciò significa che le persone non ricevono l’aiuto di cui hanno bisogno in questo momento così delicato. 1

Le preoccupazioni a breve termine sono evidenti: le persone lottano per dare un senso a ciò che sta accadendo, riflettono sul modo in cui il virus ha influenzato i propri cari, le routine e le abitudini che erano la base della loro esistenza. Ma i danni persistenti dovranno essere affrontati molto tempo dopo il completamento dei programmi di vaccinazione.

Stella Kyriakides, Commissaria UE, ha dichiarato: “Questo virus ha avuto un enorme impatto, non solo sulle persone colpite, ma anche sulle nostre società. La salute mentale influisce su come pensiamo, sentiamo e agiamo, in ogni fase della nostra vita.

“Come psicologo clinico, sono perfettamente e dolorosamente consapevole degli effetti dannosi che la pandemia potrebbe causare sulla salute mentale di tutti noi, e anche se non possiamo ancora valutare il rischio, sappiamo che gli impatti a lungo termine saranno significativi.

“La gamma delle sfide di salute mentale varia dall’ansia, alla solitudine, alla depressione. Dobbiamo prestare molta attenzione ai segnali che il nostro corpo ci dà.” 2

L’impennata di questi fattori aggressivi scaturisce da una preoccupante tendenza all’aumento del bisogno, secondo cui un adulto su sei nell’Unione europea (con 84 milioni di persone) soffriva di qualche forma di malessere mentale prima della pandemia. 3

Va aggiunto che la scarsa cura della salute mentale costa all’UE il 4% del PIL in termini di perdita di produttività e spesa sociale, fatto che aggrava la pressione sull’occupazione e sul reddito, fattori chiave di stabilità nel benessere della salute mentale.

I livelli di ansia e depressione sono stati acuiti dal cambiamento globale delle circostanze causato dalla pandemia: alle persone è stata negata la compagnia dei propri cari, amici, parenti e colleghi di lavoro. Va aggiunto inoltre che le famiglie devono affrontare la situazione dei bambini, che frequentano la scuola a casa e assistono alla disgregazione dei loro gruppi scolastici e di amicizia; esse avvertono anche forze destabilizzanti che incombono su ogni aspetto della vita.

Ciò sta alimentando un aumento e un peggioramento di condizioni come l’insonnia, la depressione, lo stress, mentre le persone affette da condizioni preesistenti sono anche più vulnerabili all’infezione da COVID-19 e potenzialmente esposte ad un rischio maggiore di esiti gravi. L’esposizione al virus può anche portare a problemi neurologici come delirio, agitazione e ictus. 2

Cinque modi per migliorare la salute mentale durante la pandemia di COVID-19

Notizie dei media

Il mondo è inondato da cattive notizie, opinioni disinformate e storie spaventose e, con la portata globale dei social media, è facile concentrarsi sulla negatività. Il doomscrolling, cioè l’atto di consumare contemporaneamente una grande quantità di notizie negative online, è diventata una tendenza inquietante che può avere un enorme impatto sull’umore e sul benessere. L’OMS e altre istituzioni consigliano un consumo limitato di informazioni, concentrandosi su poche fonti attendibili e ponendo dei limiti sulla quantità di ciò che si legge, guarda o ascolta. 4 Si consiglia di valutare la possibilità di disattivare le notifiche automatiche, limitare l’uso dei social media e guardare solo notizie selezionate negli aggiornamenti delle 24 ore.

Prendersi cura di sé

Distanziamento fisico, buona cura respiratoria e lavaggio delle mani sono aspetti vitali della cura di sé, ma mangiare in modo sano e sviluppare alcune abitudini sarà di aiuto per il benessere fisico e psicologico. È fondamentale seguire una dieta equilibrata per rafforzare il sistema immunitario e attenersi a orari dei pasti definiti darà anche uno scopo ai giorni, in particolare se disoccupati o in auto-isolamento. Le revisioni sistematiche delle diete hanno dimostrato che una cattiva alimentazione, fin dai primi anni di vita, può contribuire a peggiorare la salute mentale di bambini e adolescenti. 5

Il sonno supporta il sistema immunitario e combatte i cali di energia, quindi è importante creare un ambiente in cui il sonno è facilmente favorito, ad esempio adottando uno schema del sonno, limitando il tempo passato davanti ad uno schermo la sera e creando un’atmosfera calma e rilassata in una camera da letto fresca e priva di qualsiasi dispositivo informatico, per migliorare il senso di relax. Gli esercizi di respirazione possono anche allentare la tensione e facilitare il sonno. 6

Coltivare le relazioni personali

I familiari, gli amici e i colleghi di lavoro sono più importanti che mai e il sostegno reciproco è un elemento ispiratore del modo in cui la società ha reagito alla pandemia. La Mental Health Foundation propone i seguenti consigli, al fine di renderli parte integrante di una rete di supporto. 7

Donare il tempo: significa dedicare più tempo alle relazioni con gli amici e i familiari.
Essere presenti: prestare davvero attenzione alle altre persone nella nostra vita e cercare di non essere distratti dal telefono, dal lavoro o da altri interessi.
Ascoltare: prendere in considerazione ciò che gli altri stanno dicendo, cercare di comprendere e concentrarsi sui loro bisogni in quel momento.
Lasciarsi ascoltare: condividere onestamente le proprie sensazioni e permettersi di essere ascoltati e supportati dagli altri.
Riconoscere le relazioni malsane: sono dannose e possono renderci infelici. Riconoscerle è il primo passo per andare avanti e trovare soluzioni.
Concentrarsi sugli aspetti positivi

COVID-19 ha messo in atto una nutrita serie di sfide alla nostra salute mentale e può essere difficile cogliere gli aspetti positivi, ma l’OMS, e altre istituzioni, consiglia di cercare e celebrare storie positive, ad esempio le persone sopravvissute al COVID-19, gli sforzi del personale sanitario, gli operatori di beneficenza, gli atti altruistici da parte di alcune persone e l’incredibile lavoro di scienziati e aziende farmaceutiche nella ricerca di nuovi vaccini e nuovi trattamenti.

Chiedere aiuto a un professionista

Se ci si sente ancora sopraffatti, è possibile cercare supporto e, anche se i sistemi sanitari sono al collasso, esistono servizi che possono essere di aiuto. Potrebbe trattarsi di un consulente professionale, o di un confronto tra pari da parte di persone con la stessa esperienza vissuta. Esistono molte opzioni online e linee telefoniche di assistenza in tutta Europa in modo da non dover essere isolati con il proprio problema. 8 Inoltre, tenere presente che la ricerca di un trattamento appropriato presso un professionista sanitario certificato è sempre un’opzione e che il farmaco giusto adeguato alle esigenze del paziente potrà aiutare a superare questo momento difficile.

Riferimenti:

  1. World Health Organization. The impact of COVID-19 on mental, neurological and substance use services. Accessed January 2021. https://www.who.int/publications/i/item/978924012455
  2. European Commission. World Mental Health Day. October 2020. Accessed January 2021. https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/en/statement_20_1865
  3. Open Access Government. Beyond COVID-19: The call for a European mental health strategy. August 2020. Accessed January 2021. https://www.openaccessgovernment.org/beyond-covid-19-the-call-for-a-european-mental-health-strategy/93542/
  4. World Health Organization. Mental health and psychosocial considerations during the COVID-19 outbreak. March 2020. Accessed January 2021. https://www.who.int/docs/default-source/coronaviruse/mental-health-considerations.pdf
  5. O’Neil A, Quirk SE, Housden S, et al. Relationship between diet and mental health in children and adolescents: a systematic review. Am J Public Health. 2014;104(10):e31-e42. doi:10.2105/AJPH.2014.302110
  6. Medalie L. Why it is important to get a good night’s sleep during the coronavirus outbreak. University of Chicago, April 2020. Accessed January 2021. https://www.uchicagomedicine.org/forefront/coronavirus-disease-covid-19/advice-for-sleeping-well-during-the-covid-19-outbreak
  7. Mental Health Foundation. Nurturing our relationships during the coronavirus pandemic. January 2020. Accessed January 2021. https://www.mentalhealth.org.uk/coronavirus/nurturing-our-relationships-during-coronavirus-pandemic
  8. Mental Health Europe. Helplines and Services to support your mental health in COVID-19. Accessed January 2021. https://www.mhe-sme.org/library/helplines/
Ti potrebbe interessare...

Epilessia

Una diagnosi di epilessia può essere difficile da affrontare per tutta la famiglia, in particolare perché molti genitori non hanno una profonda conoscenza della malattia e del modo in cui aiutare i loro figli a farvi fronte.

Epilessia

Si tratta di crisi in cui il bambino rimane inconscio per breve tempo, fissa nel vuoto e non risponde a ciò che sta accadendo intorno. La loro frequenza e durata sono imprevedibili, creando preoccupazione nei genitori e nei familiari.

Epilessia

La maggior parte dei bambini affetti da epilessia dovrebbe essere in grado di frequentare la scuola tradizionale e godere della propria formazione senza problemi significativi, a condizione che vi sia una buona comunicazione tra la famiglia e la scuola.

Bentornato

Per accedere a queste informazioni è necessario usare le proprie credenziali

Non hai un profilo? Iscriviti